Pedro e Tik Tok: il ritorno delle canzoni del passato

Pedro_canzoni vintage Tik Tok
Leggi...

Pedro Pedro Pedro Pedro Pé… Se anche a chi legge sembra di non potersi più togliere dalla testa questo motivetto (che ovviamente avrete letto cantando nella vostra mente) è il momento di riflettere su questo trend!

Il passato è sempre pronto a riprendere il sopravvento attraverso la moda, l’arredamento, remake di opere di intrattenimento e tutto ciò che vi può venire in mente. Anche la musica può essere protagonista di ritorni dal passato, attraverso cover e reincisioni, nuove edizioni di album che hanno fatto la storia o riscoperta del vinile che negli ultimi anni ha superato addirittura le vendite del CD come supporto.

Pedro_canzoni vintage Tik Tok

Ma come sempre, vogliamo trattare questo tema parlando di ciò che più si avvicina alla nostra area di competenza, ovviamente i social media. In che modo quindi assistiamo ad un ritorno del passato attraverso di essi? Chiunque frequenti Tik Tok e anche Instagram a cui arrivano di rimando gli effetti del fenomeno che stiamo per descrivere, non avrà potuto evitare di sentire una canzone in particolare, Pedro di Raffaella Carrà. Ma non solo questa, in realtà.

La lista di brani che potremmo citare è più lunga, ma la hit del 1980 sta conoscendo una rinnovata popolarità oltre 40 anni dopo la sua prima uscita. Non un fenomeno isolato, che secondo noi vale la pena analizzare. Anche perché non siamo ancora riusciti a togliercela dalla testa. 

La seconda fortuna di Pedro 

Un caso di studio esemplare per spiegare questo fenomeno fatto di viralità e apprezzamento del passato, pur con qualche revisione. La canzone di Raffaella Carrà, per quanto famosa già prima di questa nuova popolarità, è diventata recentemente una hit globale capace di guadagnare le prime posizioni nelle classifiche dei brani più ascoltati sulle piattaforme digitali come Spotify.

E mentireste se diceste di non averla canticchiata o ascoltata nelle melodie distratte delle persone che vi circondano. Impossibile anche per chi utilizza i social non incappare in un video avente come sottofondo Pedro, e magari proprio il video avente come protagonista il procione. Facciamo un passo indietro.

Il brano viene pubblicato nel 1980 con una certa connotazione politica: nel testo viene citata Santa Fè, città dell’Argentina in cui Raffaella si esibì l’anno precedente, trovando l’ispirazione per dedicare la canzone alle donne argentine sotto la dittatura e alla loro auspicata liberazione.

Veniamo ai giorni nostri: come spesso accade per gli elementi in grado di andare virali Pedro è tornato ad essere un brano conosciuto da tutti e in modo totalmente casuale. Certo, qualcuno per primo avrà dovuto riscoprirlo e realizzare un remix, ma le motivazioni per cui proprio questa canzone sia protagonista, apparentemente non esistono. Merito forse del ritmo coinvolgente o della storia intrigante -una relazione fugace tra una turista e un ragazzo del posto- che il testo di Gianni Boncompagni racconta.

Anche l’associazione ad un elemento secondario ma catchy come il procione danzante sulle note di Pedro (da mettere sul vostro Apple Watch!), altrettanto casuale, ha fatto il resto per dare vita alla mania a cui stiamo assistendo negli ultimi mesi. 

@cazetvoficialPEDRO PEDRO PEDRO 🎵🎶 #BrasileirãoNaCazéTV♬ som original – CazéTV


Una riflessione va fatta anche a proposito del pubblico di destinazione di questo successo rinnovato. Il restyling al brano fatto da due dj tedeschi, Jaxomy e Agatino Romero ha del positivo. Non solo chi ha vissuto la prima popolarità riscopre con nostalgia le hit del passato, ma soprattutto i più giovani appartenenti alla generazione z vengono in contatto con prodotti culturali che altrimenti sarebbero rimasti a loro sconosciuti. L’unico elemento a perdersi è lo spirito celato dietro alla canzone, da impegno politico a disimpegno tipico da “tormentone”.  

Ma in fin dei conti si tratta di una riscoperta non solo musicale ma anche iconografica, di un personaggio iconico proprio come Raffaella Carrà. 

Hit dal passato

Possiamo aprire una parentesi più ampia su ciò che appariva dimenticato o relegato alla propria epoca ma che ora conosce una nuova popolarità. I social dimostrano in questo modo tutto il proprio potere nel definire la fama di un contenuto che ha la fortuna di diventare virale, come abbiamo visto spesso in modo casuale.  

Lo stesso Tik Tok ha pubblicato una ricerca condotta da terzi per proprio conto, nella quale l’80% degli intervistati ha dichiarato di venire a conoscenza delle novità musicali proprio attraverso la piattaforma. Possiamo quindi dire quanto essa stia condizionando e anzi dettando le linee guida del nuovo settore musicale, almeno quello più mainstream e più popolare tra i membri della generazione z. 

Vediamo altri esempi oltre a quello analizzato nel corso di questo articolo. Un’altra artista ad essere tornata alla ribalta con una delle sue canzoni più celebri è Sophie Ellis-Bextor con Murder on the dancefloor. Brano dalle sonorità 2KY- inciso nel 2001- ha ricevuto nuova linfa dalla scena finale del film uscito lo scorso anno Saltburn. Il passaggio sui social è stato breve, da brevi scene dal film fino a nuove versioni- spesso velocizzate o interpretate da altri- del brano stesso ad accompagnare i contenuti più disparati.

Tik Tok_Pedro canzoni del passato
Analoga la riscoperta di un altro brano ancora più vintage: Running Up that Hill di Kate Bush è stato riportato in cima alle classifiche grazie alla serie Netflix Stranger Things ambientata negli anni in cui la canzone girava in radio o nelle musicassette. Un pezzo così intenso e apprezzato da essere in grado di aggirare l ‘oblio del tempo, anche grazie alla complicità dei social. 

Cosa ne possiamo concludere? Sicuramente che le emozioni, il ritmo e l’atmosfera che alcuni brani sanno evocare sono universali, in grado di resistere al passaggio del tempo grazie alla loro attualità, così come i loro interpreti, eterni al pari della propria arte. E se è vero che i social nel riscoprirli ne modificano la chiave  di interpretazione possiamo considerarlo un compromesso ridotto in confronto alla nuova fama che alcune hit possono incontrare. 

 

 

Sulla musica leggi anche: Ascoltare la musica in ufficio: la giusta playlist può fare la differenza?